SOGGIORNO NATURALISTICO-EDUCATIVO IN VALNERINA

2 GIORNI / 1 NOTTE

quota di partecipazione:  €  120,00 min. 30 partecipanti

1° GIORNO  

(Cascata delle Marmore, sopra e sotto)

  • Partenza in bus G.T. dalla località di provenienza
  • Arrivo presso la Cascata delle Marmore e presentazione delle Guide
  • Divisi in due gruppi che svolgeranno le stesse attività a turno : gruppo A : escursione tra i sentieri della Cascata gruppo B : visita in grotta turistica
  • Pranzo libero al sacco portato dai ragazzitrasporto alla struttura recettiva a Norcia o Preci,  sistemazione nelle stanze, Cena e pernottamento
  • Nel pomeriggio, visita con degustazione dell’apicoltura “Il Massaro”. Il “Re delle Api” di Norcia mostra ai suoi giovani ospiti come ottenere gli utilissimi prodotti creati dalle api e quanto ognuno può imparare dallo stile di vita di questi sorprendenti insetti.

2° GIORNO

Passeggiata con gli asini (mattino) + Laboratorio di norcineria + Allevamento di ovini

  • Arrivo del gruppo presso la fattoria degli asinelli e presentazione della guida.
  • Breve lezione introduttiva sul come prendersi cura e condurre un asinello. Assegnazione di un asino ad ogni gruppetto di 3 ragazzi.
  • Passeggiata con gli asini. Mentre a turno i ragazzi salgono in sella e passeggiano dondolando comodamente al lento passo d’asino, gli altri componenti del gruppo conducono ed accudiscono il loro nuovo amico a quattro zampe. La facile passeggiata, della durata di due ore circa, attraversa un tratto della Val Castoriana tra boschi, stupendi villaggi, torrenti e armoniosi panorami.
  • Trasferimento presso il laboratorio di norcineria dove sarà possibile imparare e partecipare alla creazione delle famose salsicce di maiale di Norcia che verranno poi arrostite alla brace per il pranzo.
  • Pasto caldo/catering e salsicce alla brace preparate dagli stessi ragazzi.
  • Trasferimento del gruppo presso la fattoria biologica Cetorelli in località Campi di Norcia.
  • Il simpatico Santino e la sua famiglia, oltre a mostrare i loro tanti animali da fattoria come conigli, galline, galli, gatti e cani, ci guideranno lungo il percorso che porta il latte munto ogni mattino dalle pecore a diventare dell’ottimo pecorino.
  • Proseguimento per la località di origine. Fine dei servizi. 

La quota comprende :

Viaggio A/R in Bus GT, Sistemazione in in camere con servizi privati, trattamento come da programma, bevande ai pasti (acqua in caraffa e ¼ vino per gli accompagnatori), visite ed escursioni e guide come da programma, assicurazione medico/bagaglio.

1 gratuità ogni 20 partecipanti.

La quota non comprende :

Mance, ingressi a musei, extra e tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”.

LA MODULARITA’ DELLA OFFERTE

La nostra proposta tende ad esplorare gli aspetti più significativi del territorio, e soprattutto a riconoscere i segni e le testimonianze del  rapporto millenario uomo-natura. Nostro desiderio è che il  rispetto  e la considerazione per l’ambiente siano in grado di superare i confini di un’esperienza di pochi giorni in un territorio particolarmente ben conservato per entrare nel patrimonio stabile dei nostri giovani ospiti

Le escursioni scelte nel programma sono adatte alla capacità dei ragazzi e presentano spunti di approfondimento didattico di grande interesse; la ricca stimolazione offerta dall’ambiente favorisce un coinvolgimento anche emotivo degli studenti in un percorso non solamente didattico. Alle tradizionali attività escursionistiche abbiamo unito attività di scoperta anche divertente della natura e dei suoi ritmi: così l’escursione con asini e muli o le attività di osservazione del processo di caseificazione. Le attività didattiche sono curate da esperti nell’educazione ambientale e nelle materie delle scienze naturali, con l’accompagnamento costante di guide escursionistiche e naturalistiche.

Le attività sportive a contatto con la natura, il rafting, l’escursionismo, il trekking con i muli, consentono un approccio divertente per i ragazzi e facilitano un clima di socializzazione e apprendimento, per una gita fuori dagli schemi di sempre

Le visite in azienda, selezionate tra quelle che più esprimono la tipicità delle produzioni locali, stimolano la curiosità naturale dei ragazzi. Da queste è possibile trarre spunti di riflessione per comprendere come la qualità ambientale influenzi la qualità alimentare e alla fine la qualità della nostra vita.

I nostri asini sono simpatici compagni di gioco e di lavoro. Sempre pronti ad accompagnarci in simpatiche passeggiate, all’insegna del divertimento e della curiosità.

Le visite guidate turistiche a centri storici (Spoleto, Cascia, Spello etc) sono condotte da Guide Turistiche esperte ed abilitate ai sensi di Legge.

Alcuni esempi :

  • La montagna del Parco Nazionale dei Monti Sibillini
  • Le fattorie  della media-montagna nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini
  • La Fauna del Parco Giornata dedicata in particolar modo alla fauna, con visita al centro faunistico del Cervo nei pressi di Castelsantangelo sul Nera, e incontro con gli zoologi, con introduzione alle tecniche di studio e osservazione della fauna in natura.

 L’ACQUA E IL SUO IMPIEGO

  • Esplorazione del territorio del Fiume Nera (Valnerina) e visita di alcuni dei centri medievali della valle: Castel S. Felice, Vallo di Nera, Scheggino.
  • Visita del mulino ad acqua di Pontuglia e pranzo al sacco.

Cascata delle Marmore, visita al Parco della Cascata (a richiesta, si può prenotare la visita alla centrale idroelettrica di Galleto, nei pressi della Cascata).

SPORT

Rafting : discesa sui gommoni del fiume Corno

  • Visita alle Marcite, nei pressi di Norcia, residui delle antiche tecniche di coltivazione della Valnerina

Orienteering

  • Lezione su sistemi di orientamento: lettura carte, bussola, orientamento in natura, prova pratica con gioco a squadre

Torrentismo

  • Esperienza di discesa in una forra facile o “percorso avventura”, con tecniche di discesa in corda doppia, teleferiche e qualche rudimento di arrampicata (facile), guidati in sicurezza da una guida alpina
  • Cascia e la spiritualità Ritiana
  • Norcia ed il suo territorio: visita alle Marcite di Norcia, ai laboratori di prodotti tipici, alle chiese e piccoli centri sul territorio. Passeggiata per le vie cittadine
  • La Ferrovia Spoleto-Norcia. Un’opera di ingegneria degli inizi del secolo, riconquistata dalla natura. L’antica ferrovia rappresenta un percorso sul quale, nel contesto di una natura splendida e rigogliosa, è possibile ammirare l’opera dell’ingegno dell’uomo, in spettacolari ponti, tunnel e viadotti.
  • Visita a Spoleto

La Valnerina Sconosciuta e segreta

  • Visita ai centri minori e punti panoramici e naturalistici eccezionali della Valnerina: Ponte di Cerreto di Spoleto, L’Eremo delle Madonna della Stella, Monteleone e la Biga, Altopiani di Gavelli, Caso e le balze del Civitella (nidificazione dell’Aquila reale), l’abbazia di Castel San Felice.

I LUOGHI

Norcia 

Centro montano della Valnerina, rinomato per le produzioni gastronomiche, e tipico esempio di cittadina racchiusa tra le mura. Nei suoi pressi, le marcite, dove l’abbondanza di acque ha favorito lo sviluppo di una particolare tecnica di coltivazione, appunto la “marcita”, sembra ad opera dei benedettini. Norcia è infatti anche la città natale di S. Benedetto,  e notevoli sono i monumenti religiosi all’interno delle mura urbiche.

Preci

Borgo fortificato fondato verso la fine del XII secolo, mantiene intatte le caratteristiche dei borghi medioevali della vallata. Il territorio che lo circonda è ricco di particolarità ed emergenze naturali e culturali, conservate dall’attenzione dei suoi  abitanti e dall’isolamento geografico  rispetto alle grandi direttrici di traffico.

La Valnerina

Un’oasi di verde, dove lo splendore dei boschi si coniuga perfettamente alla bellezza dei centri storici, nel fitto intreccio di una rete d’arte e natura. I boschi ricoprono i versanti montani fino alle zone di pascolo che occupano le cime; è abbondante la fauna selvatica, tra cui ricordiamo il cinghiale, il capriolo, il lupo, l’aquila reale. I boschi della Valnerina sono anche il terreno d’estrazione del tartufo nero pregiato. I borghi rurali, piccoli centri arroccati sulle alture, conservano la forma degli antichi castelli medioevali. Le attività principali dell’uomo sono ancora l’agricoltura e la pastorizia, e a questo si deve la ricchezza dei saporiti prodotti tipici della zona: i salumi di Norcia, i formaggi, il farro e le lenticchie di Castelluccio.

Vallo di Nera, Scheggino, e altri centri della Valnerina 

Insieme alla stessa Valle che gli ospita sono stati proposti come Patrimonio dell’Unesco, per la perfezione e armonia del contesto naturale in cui sono inseriti, per le suggestioni che inducono nel visitatore.

Il Parco Nazionale dei Monti Sibillini 

Tutela uno degli ambienti più spettacolari dell’Italia Centrale. Il nome è dovuto alla leggenda della Sibilla, che aveva la sua dimora in una grotta dell’omonimo monte. La dorsale più alta dei Sibillini è costituita da numerose cime al di sopra dei duemila metri; la più alta è il Monte Vettore di 2476 m. Gioiello paesaggistico sono gli splendidi Piani di Castelluccio di Norcia, un bacino carsico a 1400 metri di altitudine, famosi per le spettacolari fioriture.

La Cascata delle Marmore

Originata dai lavori di bonifica compiuti dai Romani, è attualmente, con i suoi 165 metri di salto complessivi, il più alto salto d’acqua d’Europa. L’area della Cascata è visitabile con un sentiero che si porta fin sotto i salti più spettacolari. Nei pressi della Cascata è la centrale di Galleto, che sfrutta la portata d’acqua del bacino sovrastante per una significativa resa energetica.

La Val Castoriana e i suoi centri, S. Eutizio 

Percorsa da antiche vie di comunicazione tra importanti località appenniniche, è disseminata di centri religiosi e rurali, con importantissime testimonianze religiose nelle chiese e abbazie: S. Eutizio, centro benedettino e sede di una delle più antiche scuole chirurgiche, S. Salvatore in Campi, S. Maria della Bianca. 

Il mulino ad acqua di Pontuglia

Pontuglia è un piccolissimo centro della Valnerina. Le acque del ruscello che lo attraversa erano utilizzate da un mulino per la macinazione dei cereali e anche la spremitura delle olive. Il mulino è tuttora visitabile

Spoleto ed il suo territorio 

Cittadina ricca di storia e di preziose vestigia del passato, centro artistico e culturale della Valle Umbra. Fortissimo il rapporto tra la città ed il territorio. Sovrasta la città il Monteluco, sede di antichi eremitaggi.

La ferrovia Spoleto-Norcia

Percorso ferroviario dismesso alla fine degli anni ’60, attraversa tutta la vallata nel verde della vegetazione ed è ora in buona parte percorribile a piedi. La ferrovia, realizzata agli inizi del secolo, è stata un’opera all’avanguardia per le tecniche ingegneristiche utilizzate. Camminare ora tra vecchi ponti e gallerie evoca suggestioni di un tempo non molto lontano, eppur remoto.